Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Città in cambiamento Google stravolgerà anche Zurigo?

Google

Nei suoi uffici a Zurigo, Google impiega circa 2400 collaboratori.

(Keystone)

La digitalizzazione e il boom tecnologico stanno cambiando il volto delle città. L'afflusso di nuove imprese tecnologiche di solito allontana artisti, piccoli commercianti e stranieri. Anche Zurigo è minacciata da un simile scenario?

Con oltre 2400 dipendenti provenienti da 85 nazioni, Zurigo è oggi la più grande sede di ricerca e sviluppo di Google al di fuori degli Stati Uniti. Oltre alla sede già esistente, nel 2017 l'azienda ha aperto nuovi uffici a due passi dalla stazione centrale, in grado di ospitare 5000 dipendenti. Negli ultimi mesi anche Apple e Facebook/Oculus hanno trasferito le loro sedi nel centro di Zurigo. Nonostante i team svizzeri dei giganti tecnologici della Silicon Valley siano ancora relativamente piccoli, negli ultimi anni l'attrattiva di Zurigo per l'economia digitale è cresciuta notevolmente.

Niklaus Scherr, responsabile dell'Associazione degli inquilini di Zurigo.

(Keystone)

Come in altre città europee, anche a Zurigo il boom tecnologico sta contribuendo alla trasformazione degli ex quartieri operai. Ciò si nota soprattutto sulla Langstrasse, nel 4° distretto: piccole imprese, pub e takeaway, negozi di telefonia mobile e bar alla moda. Le vecchie case sono state vendute, gli appartamenti ristrutturati e poi affittati a persone provenienti dall'estero dotate di un reddito alto. "Lo sviluppo dell'Europaallee si estende a tutti i quartieri del 4° distretto", afferma Niklaus Scherr, amministratore delegato dell'Associazione degli inquilini di Zurigo ed ex consigliere comunale per la lista alternativa fino al 2009, che ha vissuto e lavorato nel 4° distretto per oltre 40 anni.

Dall'inizio del nuovo millennio i prezzi degli immobili sono più che raddoppiati. E grazie alle camere e agli alloggi ammobiliati - i cosiddetti appartamenti business - affittati per periodi brevi ai nuovi dipendenti di società internazionali e ai turisti, negli ultimi anni le abitazioni strappate dal mercato immobiliare ordinario sono centinaia. Tuttavia, Scherr sottolinea che di ciò non sono responsabili solo le aziende tecnologiche.

Proteste e anti-Google café

La frustrazione per l'aumento degli affitti e il fenomeno della gentrificazione attualmente stanno scatenando forti proteste nella capitale tedesca. In aprile, migliaia di persone sono scese in piazza a Berlino. Sotto accusa: Google/Alphabet.

Google

Nuovi uffici di Google si trovano ora anche presso la stazione di Zurigo.

(Keystone)

Già da molto Google è a Berlino con una piccola agenzia. Due anni fa, è stata presa la decisione di creare un "Campus Berlino". L'apertura è prevista per l'autunno a Kreuzberg. Google gestisce già campus simili nelle metropoli di Londra, Madrid, Tel Aviv, Seul, San Paolo e Varsavia. Questi fungono principalmente da centri di smistamento e incubatori di imprese tecnologiche in fase di avviamento. Nel campus di Berlino dovrebbero lavorare solo tra i cinque e dieci dipendenti di Google. Il portavoce di Google Ralf Bremer sottolinea che l'azienda sta discutendo con organizzazioni, vicini e partner al fine di "generare con il Campus un plusvalore per il Kreuzberg".

Gioia per i politici, frustrazione per le cittadine

Questo suona inammissibile per molti residenti. "Temono che Google fungerà da calamita per le start-up tecnologiche provenienti da tutto il mondo", afferma Felix Hartenstein dell'Istituto di Economia e Città di Berlino inwistaLink esterno, specializzato nell'analisi dell'impatto dell'economia digitale sulle città. Nell'ultimo decennio Berlino è diventata una mecca tecnologica europea.

Centinaia di start-up stanno sviluppando nuove app, algoritmi per la realtà virtuale e web shop. Nel 2017, nelle start-up di Berlino sono stati investiti 3.7 miliardi di dollari. Secondo il Dipartimento di Economia del Senato, il 20 per cento della crescita economica di Berlino è già prodotto dall'industria digitale. Questo per la gioia di politici come Michael Müller, sindaco di Berlino che, nel nuovo interesse dell'industria tecnologica per la sua città, vede una ripresa economica. A Zurigo, il sindaco e personalità politiche di spicco hanno espresso analoga soddisfazione per la crescita di Google nella città della Limmat e per la creazione di nuove start-up tecnologiche.

nagelhaus

Zurigo, una città in continua trasformazione.

(Keystone)

I dipendenti di queste aziende sono per lo più giovani, ben istruiti e molto mobili, spiega Hartenstein. Spesso non hanno ancora una famiglia e possono quindi permettersi l'aumento degli affitti. Sebbene le condizioni di lavoro precarie siano diffuse, soprattutto tra le giovani imprese in fase di avviamento, anche in questo caso il reddito è in genere ancora sufficiente per un appartamento condiviso. Il risultato: tra il 2004 e il 2016 gli affitti a BerlinoLink esterno sono aumentati in media del 70%. 

Vittima della propria creatività

I perdenti sono persone con un reddito basso, molte delle quali provengono da un contesto migratorio. Ci sono anche ballerini, attori, musicisti e artisti di vita che una volta si sentivano attratti dalla diversità, dallo stile strappato e dai bassi affitti di monolocali e appartamenti. "A Berlino solo dieci anni fa le industrie creative venivano deliberatamente incentivate", afferma Hartenstein. "Ora vengono divorate da start-up tecnologiche". Molti di coloro che si sono trasferiti qui dopo la caduta del comunismo si sono sentiti traditi: "La città che hanno creato nel corso di molti anni viene ora consumata e risucchiata da aziende come Google." Il suo partner commerciale Hans-Hermann Albers aggiunge: "L'afflusso di una grande quantità di nuovo capitale sta mettendo in discussione la città come spazio democratico. Le persone si sentono sotto pressione e si rendono conto che i loro diritti vengono limitati".

Appartamento a Zurigo

L'espansione di uffici e appartamenti di lusso mette sotto pressione la classe media a Zurigo.

(swissinfo.ch)

Inoltre Google non è un'azienda qualsiasi. Ha fatto parlare di sé per evasione fiscale ed è considerata da molti come l'emblema di una piovra che commercializza i dati personali dei suoi utenti e si preoccupa poco della loro protezione e della privacy. Il principale gruppo tecnologico (fatturato nel 2017: 110 miliardi di dollari USA) è anche attivamente coinvolto nella pianificazione urbana con la società "Sidewalk Labs". A Toronto, lo spin-off di Google lavorerà con il consiglio comunale per creare un'area di 325 ettari nelle immediate vicinanze del centro città per sperimentare tutti i tipi di tecnologie digitali per le smart city. "Attualmente stiamo assistendo a una sorta di rigetto tecnologico in molte persone", afferma Hartenstein. "Sono sempre più critiche nei confronti delle grandi aziende IT e dei loro piani. A questo proposito, Google è naturalmente un'immagine grata del nemico su cui si può proiettare molto".

Finanziamenti di quartiere e tassa-Tech

L'esempio di San Francisco mostra come le imprese tecnologiche da miliardi di euro possano cambiare drasticamente il volto di una città. Lì i prezzi elevati degli immobili hanno portato all'esodo degli abitanti autoctoni (vedi riquadro). "San Francisco è un monumento", dice Albers. I due fondatori di inwista chiedono quindi che le imprese si assumano la responsabilità di ammortizzare le conseguenze sociali dell'insediamento nelle città europee. Secondo Albers, ad esempio, le grandi imprese tecnologiche potrebbero istituire fondi di quartiere amministrati da un consiglio di cittadini e utilizzati per acquistare beni immobili, creare spazi per le piccole imprese e alloggi a prezzi accessibili. "Prima di tutto, però, dobbiamo essere consapevoli che la nuova capitale e i lavoratori ad alto reddito stanno causando il collasso delle città."

kocher arel

Kocher-Areal, una delle case occupate in segno di protesta contro la crescente speculazione immobiliare. 

(Keystone)

Secondo Albers e Hartenstein, un altro modo per contrastare la gentrificazione potrebbe essere l'imposizione di una "tassa-Tech". Seattle, ad esempio, vuole che Amazon contribuisca alla lotta contro i senzatetto dilaganti con una tassa sulla sua responsabilità sociale d'impresa. I fattori di localizzazione potrebbero diventare un valore per un'ampia comunità e non solo per investitori e politici.

Finora a Zurigo non si sono svolte manifestazioni contro Google o le start-up tecnologiche. L'ultima grande manifestazione organizzata da partiti di sinistra, associazioni di inquilini e occupanti con il motto "Chi è il proprietario di Zurigo?" risale a 5 anni fa. Per Niklaus Scherr questo è dovuto principalmente al fatto che la città è stata in grado di "calmare" la situazione grazie alla legalizzazione di occupazioni alla periferia della città. E perché il governo di sinistra della città tende a cercare soluzioni politiche reali compensando la perdita di alloggi a basso costo nel centro con la realizzazione di case popolari nei sobborghi. A Zurigo – diversamente che a Berlino - nessuno sembra credere che in centro si possa ancora fermare la gentrificazione.

San Francisco: diminuzione delle famiglie e aumento dei senzatetto

Fino ad oggi San Francisco è l'esempio più lampante della gentrificazione capeggiata da imprese-tech: le aziende con sede nella Bay Area, come Facebook, Apple e Google, pagano alti salari alle migliori teste provenienti da tutto il mondo. Queste però non vogliono vivere nella periferia di Parco Menlo o Palo Alto, ma nel centro di San Francisco.

L'urbanità e la storia mitica della città stanno diventando sempre più una valuta nella ricerca dei talenti migliori. Di conseguenza, in nessun luogo degli Stati Uniti il suolo è più costoso che a San Francisco. Chi non ha un lavoro ben retribuito come nel settore tecnologico deve viaggiare per due ore e oltre perché non può più permettersi di vivere in centro.

Allo stesso tempo le famiglie stanno scomparendo sempre più dal paesaggio urbano; con il 13 per cento, San Francisco è la città degli Stati Uniti con la percentuale più bassa di popolazione sotto i 18 anni. Dopo gli sfratti, nelle vie del centro come Harrison Street, la gente ora vive in tende per strada. E le persone colpite lanciano pietre contro i bus navetta di Google che ogni giorno trasportano i dipendenti da San Francisco alla sede centrale di Palo Alto.

Fine della finestrella


Traduzione di Paola Beltrame

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.